Come creare una rete di blog privati ​​(PBN) che Google ama?

creare una rete di blog privati


Lo so, lo so! Il titolo è duro, perché Google odia letteralmente le reti di blog e qualsiasi schema di collegamento creato per manipolare le SERP. Abbiamo visto molti esempi in passato, quando c’erano reti complete, contenenti centinaia di blog deindicizzato da Google. La cancellazione di una rete di blog dalle SERP può rovinare molte aziende.

Innanzitutto il proprietario della PBN perderà tutto il suo reddito proveniente dalla rete del blog, perché non sarà in grado di monetizzarlo. In secondo luogo, tutte quelle aziende che si sono affidate alla rete per classificare i loro siti Web perderanno le loro classifiche, traffico e entrate.

L’acquisto di collegamenti da una rete di blog pubblici può essere rischioso. Tuttavia, ci sono opzioni per utilizzare una rete di blog per aiutare il tuo sito a guadagnare posizioni più alte. In questo articolo, ti guiderò attraverso i passaggi su come creare una rete di blog privata, che è interamente di tua proprietà e gestita da te.

Questo non è un modo rapido per classificare il tuo sito Web e non sarà neanche economico, invece dovresti considerarlo come un investimento a lungo termine nella tua attività.

Quindi, per avviare una rete di blog privati ​​che durerà a lungo, dovrai concentrarti su tre cose principali:

  • Acquista nomi di dominio validi e obsoleti
  • Acquista hosting web economico ma affidabile
  • Costruisci i tuoi siti Web utilizzando un CMS

Come acquistare i migliori domini per la tua rete di blog?

La scelta e l’acquisto dei domini giusti per la tua rete di blog privati ​​può richiedere molto tempo. Non puoi semplicemente acquistare qualsiasi dominio che viene. Quando acquisti domini, dovresti concentrarti su come ottenere domini vecchi e obsoleti, che in passato venivano utilizzati per siti Web esistenti. È anche importante scegliere domini correlati alla tua nicchia. Il profilo del link del dominio è anche un aspetto chiave che dovresti controllare prima dell’acquisto. Un dominio spammato non andrà bene per la tua rete di blog e sprecherai i tuoi soldi. Prova a scegliere i domini, che hanno un profilo di collegamento pulito proveniente da siti Web attendibili e di autorità.

Dove acquistare nomi di dominio validi?

Esistono molti siti Web in cui è possibile acquistare domini obsoleti. Probabilmente il più popolare sono le aste GoDaddy, dove è possibile scegliere tra centinaia di migliaia di domini in scadenza o all’asta. Puoi anche acquistare domini in scadenza su NameJet o Dynadot Auctions.

Come verificare se un dominio è adatto alla tua rete di blog?

Quando acquisti domini per la tua rete di blog privati ​​è essenziale acquistare domini di nicchia con cronologia pulita. Per verificare i parametri di un dominio che si desidera acquistare, è possibile utilizzare più strumenti.

DomCop è uno strumento online che raccoglie informazioni sul dominio da diversi siti Web, come età del dominio, Domain Authority (DA), Page Authority (PA), Citation Flow (CF), Trust Flow (TF), nicchia di dominio e altre metriche. DomCop è un servizio premium, ma puoi accedervi con il piano di prova gratuito. Il costo di DomCop parte da $ 39 al mese. Se hai intenzione di acquistare solo un paio di domini, probabilmente non vale la pena acquistare un abbonamento, invece utilizza strumenti gratuiti.

Puoi anche controllare le metriche del dominio utilizzando strumenti gratuiti:

  • A Archive.org puoi vedere la cronologia completa del sito web che è stato creato su un determinato dominio. Qui puoi vedere chiaramente quali contenuti sono stati caricati e per quale nicchia è stato utilizzato il dominio.
  • SeoMastering.com ti fornirà un controllo completo su un determinato dominio, inclusi l’età del dominio, le metriche di Google (ranking della pagina reale ed effettivo), l’attività sui social media e alcune informazioni di base sui collegamenti raccolte dallo strumento di controllo dei collegamenti premium di Majestic.com.
  • Con BackLinkWatch puoi scoprire il profilo completo del link di un determinato sito Web o dominio. Questo strumento non è molto preciso e alcuni collegamenti potrebbero mancare dal loro database, ma è gratuito da usare. È un ottimo modo per rilevare se un dominio è spammato con collegamenti innaturali o meno.

Mentre DA, PA (metriche di Moz) CF, TF (metriche di Majestic.com) sono molto importanti quando si selezionano i domini per la propria rete di blog, potrebbe essere necessario acquistare alcuni dei servizi premium per verificarli. Gli esperti affermano che puoi ottenere buoni risultati con domini con metrica (DA, PA, CF, TF) superiore a 15.

Quanto dovresti pagare per un nome di dominio?

È molto difficile darti consigli su quanto dovresti spendere per un buon dominio. Il prezzo varia da nicchia a nicchia e da dominio a dominio. Non esiste un prezzo fisso e non puoi davvero stimare quanto vale un nome di dominio. In poche parole: un dominio che vale quanto qualcuno è disposto a pagare per questo.

Il mio suggerimento è di non pagare più di $ 100 per un dominio che farà parte della tua rete di blog. Inoltre, ti consiglio di non acquistare troppi domini contemporaneamente.

Evita le informazioni di contatto false – Usa la privacy del dominio!

Google può facilmente dare la caccia alle reti di blog; specialmente quelli che sono in pericolo dove le informazioni whois del dominio non sono nascoste. Molti proprietari di reti di blog utilizzano dati di contatto falsi per risparmiare denaro sulle quote di registrazione private. Il più delle volte, perderanno i loro domini perché è vietato utilizzare informazioni false. Dovresti evitare a tutti i costi l’uso di informazioni di contatto false sui tuoi nomi di dominio.

Invece registra il tuo dominio con la privacy del dominio. Questo costa circa $ 10 all’anno e nasconderà le tue informazioni di contatto personali al pubblico, nonché a Google. In questo modo è impossibile rilevare chi possiede il dominio. Certamente in alcuni casi (se il dominio è coinvolto in attivazioni illegali), la privacy del dominio non proteggerà la persona che si trova dietro il dominio, ma per una rete di blog, la privacy del dominio è un must.

Che tipo di hosting dovresti acquistare per Blog Network?

Esistono diverse opzioni di hosting che puoi utilizzare per la tua rete di blog privati. È possibile utilizzare l’hosting SEO, diversi provider di hosting condiviso economici, VPS o server dedicati con più indirizzi IP dedicati. Ogni tipo di hosting ha i suoi vantaggi e svantaggi. Di seguito, ti dirò quale tipo di hosting è il migliore per una rete di blog privati.

Hosting SEO

Quando le reti di blog hanno iniziato a crescere, l’hosting SEO era l’opzione migliore. Questo tipo di servizio è stato progettato per offrire ai webmaster una piattaforma, in cui possono gestire tutti i siti Web da un’unica posizione, facendoli diffondere su più indirizzi IP. L’hosting SEO è stata un’ottima soluzione fino a quando Google non ha iniziato a penalizzare le reti di blog, in base agli indirizzi IP in cui erano ospitati. Fondamentalmente Google ha iniziato a inserire nella blacklist tutti gli indirizzi IP associati a diversi provider di hosting SEO.

Suggerisco di evitare qualsiasi fornitore di hosting che dichiari che è una società di hosting SEO. Quei tempi sono passati quando l’hosting SEO era buono per una rete di blog.

VPS & Hosting dedicato

I server virtuali o dedicati sono ottimi per l’hosting di più siti Web. È possibile aggiungere più indirizzi IP allo stesso server, in questo modo è possibile ospitare più siti Web su più indirizzi IP, disponendoli nello stesso server.

Ci sono alcuni aspetti negativi però. La manutenzione di un VPS o di un server dedicato richiede un certo livello di conoscenza in questo campo. Questi server sono costosi e devi pagare un extra anche per gli indirizzi IP aggiuntivi. Non sarai in grado di utilizzare un server dedicato per tutta la sua potenziale coppia di siti Web di hosting, quindi potrebbe non valerne la pena noleggiarne uno. Inoltre, c’è un numero limitato di indirizzi IP che puoi aggiungere a un server e molte volte i provider di hosting non ti forniranno IP di classe C, che sono i migliori per le reti di blog.

Se stai appena iniziando con la tua prima rete di blog privata, non dovresti preoccuparti di noleggiare un server; invece dovresti cercare qualcosa di più semplice ed economico.

Hosting condiviso

In questo momento, l’hosting condiviso è la strada da percorrere, se stai costruendo una rete di blog privati. L’hosting condiviso è conveniente, facile da gestire e mantenere e fornisce tutti gli strumenti necessari che potresti aver bisogno per la tua rete di blog.

Il costo di un piano di hosting condiviso è di circa $ 4- $ 6 / mese, se si paga in anticipo per un anno o due. La maggior parte dei piani di hosting consente di ospitare più di un sito Web, il che è fantastico, perché è possibile creare più reti di blog utilizzando le stesse risorse.

È importante scegliere fornitori di hosting validi e affidabili. Ecco un elenco dei migliori host condivisi che puoi utilizzare per la tua rete di blog privati:

  • iPage
  • Mucca grassa
  • JustHost
  • BlueHost
  • In movimento
  • HostGator
  • HostMonster
  • WebHostingHub
  • GreenGeeks
  • InterServer

Certamente ci sono molte altre società di hosting là fuori, ma suggerisco di iniziare con queste. Sono convenienti, hanno un buon tempo di attività e un buon supporto clienti. Non dovresti ospitare i tuoi siti Web su alcuni host casuali di immondizia. Scegli solo fornitori di hosting validi e affidabili. Non ha senso acquistare un costoso dominio scaduto, investire tempo e denaro in contenuti e creare il tuo sito Web e risparmiare sul server. Sarebbe come possedere una bella macchina, ma non guidarla a tutta velocità perché non può permettersi carburante.

Creazione dei siti Web della rete di blog privati

Presumo che tu sappia come indirizzare i tuoi nomi di dominio a un account di hosting cambiando i server dei nomi. Non entrerò nei dettagli, ma se vuoi saperne di più sui Name Server e vuoi sapere come funzionano, leggi la nostra guida collegata.

Dopo aver aggiornato il DNS e aver indirizzato il tuo dominio sul tuo account di hosting, puoi iniziare a creare il tuo sito web. Per velocizzare un po ‘le cose, puoi usare lo strumento di installazione con un clic offerto dalla maggior parte delle società di hosting. Con questo strumento puoi installare WordPress, Drupal, Joomla o altri CMS sul tuo sito Web con pochi clic. Non dovresti dedicare troppo tempo alla configurazione del nucleo del tuo sito web.

Scegliere un CMS per la tua rete di blog

Molti dicono che non dovresti lasciare alcuna impronta quando costruisci una rete di blog. Pertanto, gli esperti raccomandano di utilizzare CMS diversi per ciascuno del tuo sito Web. Per esperienza personale, posso dirti, che non vi è alcuna differenza tra le reti che funzionano solo su WordPress e le reti in cui ogni sito Web è costruito su un sistema diverso.

Detto questo, suggerisco di scegliere un CMS semplice, perché è più facile da gestire. Preferisco usare WordPress, non solo per le reti di blog, ma anche per ogni sito Web che creo. Il bello dell’utilizzo di WordPress è che puoi personalizzare ogni sito web della tua rete senza lasciare alcuna impronta.

Costruisci i tuoi siti web senza lasciare impronte

Utilizzando solo WordPress per la tua rete, può essere un footprint. Tuttavia, metà del Web è costruita su WordPress e spesso i siti Web hanno solo collegamenti a ritroso dai blog di WordPress. È davvero un’impronta? Secondo me non lo è.

Se stai usando lo stesso tema e plugin per ogni sito web che crei, questa è un’impronta enorme che dovresti evitare. Devi considerare ogni sito Web come un progetto diverso, che non è correlato all’altro. Il modo migliore per evitare impronte mentre si creano i siti Web è:

  • Logo personalizzato: crea un logo per ogni sito Web; se non sei bravo con Photoshop o non sai nulla su come creare un logo, puoi cercare alcuni designer di logo economici su Fiverr o nei forum.
  • Tema diverso: ci sono migliaia di temi gratuiti; basta usare un tema diverso per ogni progetto
  • Pagine personalizzate: ogni sito Web presenta una pagina Informazioni su, Contatti, Informativa sulla privacy e Condizioni d’uso. Dovresti creare queste pagine per ciascuno del tuo sito web. Certamente dovresti inventare storie uniche e non usare lo stesso contenuto in queste pagine.
  • Plugin diversi: so che Yoast è il plug-in SEO più popolare e probabilmente il migliore, ma non dovresti installarlo su ciascuno dei tuoi siti web. Trova altri plugin che fanno lo stesso e mescolali.
  • Contenuti unici: crea contenuti unici per ciascuno dei tuoi blog e non pubblicarli nello stesso giorno. Con WordPress puoi pianificare i post, quindi non è necessario tornare al tuo sito Web ogni volta che desideri aggiungere un nuovo articolo. Includi anche immagini, video e infine altre cose utili scaricabili nei tuoi post. Per accelerare il processo, puoi assumere uno o due autori per aiutarti nella creazione di contenuti.
  • Creazione di backlink: è una cattiva idea interconnettere la rete del tuo blog. Questo è il più grande errore commesso dalla maggior parte delle persone. È certo che l’interconnessione dei siti Web può dare un enorme impulso iniziale all’intera rete e al sito di denaro, ma a lungo termine non è vantaggioso. Prova ad acquisire backlink da diversi siti Web di terze parti tramite commenti sul blog, proprietà del web 2.0, post sul forum, ecc.
  • Rendi naturale: un sito Web che viene aggiornato regolarmente sembra molto naturale, non solo per gli utenti ma anche per Google. Tuttavia, il collegamento agli stessi siti più e più volte sembra molto strano. Quando si collega al proprio sito di denaro dalla propria rete, provare ad aggiungere anche altre risorse, che non sono concorrenti ma alcuni siti Web informativi di alto valore.

Crea e fai crescere la tua rete

Costruire il tuo PBN richiede molto tempo e fatica. Consumerà anche un’enorme quantità di denaro. Detto questo, dovresti fare tutto ciò che puoi permetterti in termini di tempo e denaro. Quindi non ha senso lavorare su 30-50 siti Web consecutivi mentre non hai abbastanza tempo e budget per farlo.

Dovresti concentrarti su un minor numero di siti Web, costruendoli da terra. Dopo che i siti Web sono stati creati e ricevono un po ‘di traffico, puoi andare avanti e iniziare con nuovi siti Web, ma non dimenticare di tornare ai tuoi vecchi e aggiornarli di volta in volta.

Fine

Creare la tua rete di blog privata è la strada da percorrere se vuoi classificare i siti Web di nicchia. Creare un buon PBN è impegnativo e richiede tempo, tuttavia i risultati sono sorprendenti. Avere qualcuno che ti aiuti è un buon vantaggio, perché alcune attività possono essere esternalizzate come la scrittura di contenuti, l’aggiornamento di siti Web, la creazione di collegamenti, ecc..

Infine, il mio consiglio personale: non preoccuparti di creare una rete di blog personale se non sei una persona persistente, se ti arrendi dopo uno o due mesi. La creazione di una rete di siti è un processo lungo e non otterrai i risultati dall’oggi al domani. Questo è un investimento e una strategia a lungo termine, che ti daranno risultati solo a lungo termine.

Se hai domande o osservazioni su questo articolo, non esitare a lasciare un commento qui sotto.

Buona fortuna a costruire il tuo PBN!

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map